• Comitato Paritetico Bilaterale Regionale Per La Sicurezza
  •   telefono: 041 2584939 - 041 2584941
  •   e-mail: info@cobis.it

Notizie

COBIS provinciale di Treviso LA RAPPRESENTANZA TERRITORIALE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI NELL'ARTIGIANATO - RISULTATI

Mercoledì, 13 Novembre 2019

COBIS DI TREVISO – ESITI DEL SEMINARIO LA RAPPRESENTANZA TERRITORIALE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI NELL'ARTIGIANATO

Cosa sono gli Organismi paritetici e che funzione hanno i Rappresentanti Territoriali dei lavoratori per la sicurezza?
A queste domande ha risposto il Prof. Marco Lai dell’Università di Firenze, nel corso del seminario svoltosi martedì 5 novembre presso il centro congressi BHR Treviso Hotel, Via Postumia Castellana n. 2 – Quinto di Treviso (TV).
All'evento, organizzato dal Comitato Paritetico Bilaterale per la Sicurezza - Cobis Treviso, di cui Confartigianato Imprese Marca Trevigiana è parte costituente, sono intervenute sia imprese ma anche professionisti dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Treviso.

In Provincia di Treviso le imprese artigiane con dipendenti operanti nei molteplici settori produttivi, edilizia compresa e nei servizi sono circa 8.000 e danno occupazione a 36.000 lavoratori.

Intervenire a supporto del settore artigiano, dove a rischiare lavorando sono sia i titolari che i dipendenti in modo analogo, è l'obiettivo degli accordi sottoscritti in Veneto tra le associazioni datoriali Confartigianato, CNA, Casartigiani e i sindacati Cgil, Cisl, Uil.
Intese che da anni si traducono nell’operatività degli organismi paritetici, realtà finalizzate a valorizzare e implementare buone prassi prevenzionistiche, a sviluppare azioni inerenti la salute e la sicurezza su lavoro e a dare supporto all'attuazione degli adempimenti in materia, con specifico riferimento alla formazione obbligatoria dei lavoratori del settore che interessa, tramite il modello bilaterale artigiano, mediamente ogni anno oltre 1.500 lavoratori nell’intera provincia.

L'appuntamento è stato introdotto da Antonio Salvati, direttore INAIL Treviso-Belluno, che ha presentato i dati relativi agli infortuni e alle malattie professionali registrati nella marca trevigiana.
È seguito uno scambio di esperienze tra Organismi di Vigilanza, Spisal ULSS2 e Ispettorato Territoriale Lavoro di Treviso e Rappresentanti Territoriali dei Lavoratori per la sicurezza, durante il quale si sono comparati i diversi ruoli e competenze, tutte unite dall’obiettivo comune di ridurre gli infortuni.
L'occasione ha consentito alle aziende e ai professionisti che svolgono il ruolo di Coordinatore nei cantieri di comprendere l’importanza della figura dell’RLST e dei due comitati paritetici regionali dell'artigianato: il CPR per il settore edile e il COBIS per il manifatturiero.

Si è trattato di un primo evento, al quale faranno seguito altre progettualità per approfondire le tematiche introdotte. È necessario agire per far si che si diffonda la cultura della sicurezza ed è obiettivo del COBIS Treviso far aumentare il tasso di conoscenza degli strumenti che la contrattazione collettiva mette a disposizione ai lavoratori e ai titolari della piccola impresa; non ancora tutte le realtà produttive conoscono la possibilità di poter collaborare con i rappresentanti territoriali dei lavoratori e gli sportelli associativi dedicati. Si deve continuare nell’avviato percorso di collaborazione operativa con gli organismi preposti (Spisal, ITL, Inail, Vigili del Fuoco), con le scuole e con i medici del lavoro, perché solo un’azione corale contribuisce a fare cultura sulla sicurezza da più punti di vista e potrà nel tempo aumentare gli standard di adeguatezza.